ambiente-1

Visita le nostre riserve

Mirto

Myrtus communis L.

Arbusto aromatico sempreverde tipico della macchia mediterranea, della quale caratterizza gli aspetti più aridi e caldi. Allo stato spontaneo è presente in Friuli Venezia Giulia, Liguria, Italia centro-meridionale e Isole, soprattutto lungo le coste, con netta preferenza per quelle occidentali, dal livello del mare ai 500 m circa.

Dimensioni e portamento: il mirto è un arbusto sempreverde perfetto per i giardini mediterranei. Produce un cespuglio abbastanza grande, che può raggiungere i tre metri di altezza, abbastanza fitto, con ramificazioni sottili. Tutta la pianta è molto aromatica, comprese le foglie ed il legno. Si tratta di un’ottima pianta ornamentale, grazie all’aspetto molto gradevole ed alla fioritura abbondante.

Temperatura ed esposizione: il mirto preferisce essere messo a dimora in una zona riparata dai venti invernali, soprattutto se gli inverni sono molto freddi. Pur essendo una tipica specie mediterranea, il mirto sopporta infatti abbastanza bene il freddo, e sopravvive anche a gelate di lieve entità e di breve durata.

Terreno e irrigazioni: il mirto ama suoli neutri o subacidi, non particolarmente ricchi di sostanza organica ed elementi nutritivi, ed è resistente anche all’aridità. Teme però i ristagni d’acqua che spesso portano marciumi e malattie. Pur sopravvivendo egregiamente anche in zone molto siccitose, con estati torride ed afose, il mirto tende a svilupparsi meglio se coltivato in condizioni non troppo limitanti: fornendo annaffiature periodiche, in modo che il terreno non rimanga asciutto per lunghi periodi di tempo, si ottengono arbusti più rigogliosi e sani.